Bilancio, via libera con il segno più: 2021 sarà anno strategico

Scritto da staff-interporto
Categoria:

ROVIGO – La chiusura del bilancio di esercizio anno 2020 chiude con il segno positivo, un anno che ha visto un consolidamento del risultato di esercizio ma soprattutto è stato un  “trampolino di lancio” per l’anno 2021, anno strategico per l’Interporto di Rovigo.

Nell’anno 2020 Interporto ha rivisto tutta l’impostazione delle proprie attività, ha operato e continua a operare per il mantenimento e il perfezionamento delle proprie strutture per poter offrire alla propria clientela servizi sempre più accurati. L’Interporto di Rovigo non è paragonabile alle strutture limitrofe di Padova e Verona, tuttavia per la sua dislocazione strategica che consente di poter usufruire di tre modalità di trasporto, ovvero ferro, gomma ed acqua, e dando all’infrastruttura una gestione improntata sull’offerta di servizi logistici (movimentazione, deposito e custodia) sta acquisendo sempre più clienti, saturando le proprie disponibilità di spazio. Tutto ciò ha portato ad un incremento del risultato economico e nel contempo la necessaria programmazione ed impostazione per i prossimi anni con un consolidamento patrimoniale con un consequenziale aumento di fatturato e risultato economico, sfruttando al massimo tutte le potenzialità che ha l’infrastruttura rodigina, ma con nuovi spazi.

Passo quindi ad analizzare il risultato economico 2020 e la proiezione del 2021. Abbiamo chiuso gli ultimi esercizi 2018 – 19 in utile, nel 2019 siamo arrivati ad un risultato positivo di euro 283.000 di gestione operativa. Parlo di gestione operativa in quanto per il risultato di esercizio si è dovuto far fronte a delle situazioni pregresse che ne hanno penalizzato il risultato finale portandolo ad un utile di euro 194.000 ante tasse. Nel 2020 la gestione operativa è di euro 356.000 e anche quest’anno abbiamo dovuto defalcare dal risultato situazioni negative ancora in essere come, per esempio, la partecipazione in Allibo Adriatico in liquidazione che influenza il risultato di bilancio 2020 portandolo a un utile di euro 252.592 ante tasse, ma sempre con un incremento di 60.000 euro rispetto l’anno precedente. Il risultato di esercizio netto dell’anno 2020 di euro 213.780 permette ad Interporto di coprire integralmente le perdite degli esercizi precedenti di euro 134.089, di accantonare a riserva legale euro 10.689 e di riportare la rimanenza in riserva straordinaria per euro 69.002. In sostanza abbiamo completamente azzerato le perdite e mantenuto quello che è il nostro capitale sociale.

Per quanto riguarda il 2021 con l’ottimizzazione degli spazi, con la nuova impostazione dell’erogazione dei servizi, tra la fine del 2020 e i primi mesi dell’anno si sono conclusi degli importanti contratti di logistica tra i più rilevanti uno con una multinazionale fornitrice di imballi per Amazon ma soprattutto, proprio in questi giorni, Interporto di Rovigo è diventato un hub a supporto della logistica del magazzino Amazon di Castelguglielmo. Il lavoro consiste nel ricevere la loro merce, raggrupparla e organizzare carichi completi con destinazione il magazzino principale. Viene quindi riconosciuto il lavoro svolto fin d’ora nella fornitura della materia prima degli imballi. Tali contratti incrementeranno i risultati di bilancio che da una proiezione dovrebbero attestarsi per l’anno in corso intorno ai 415.000 euro di gestione operativa, con un netto ante tasse di circa 326.000 euro, in quanto anche nel 2021 persiste una quota di svalutazione crediti. Questo dimostra che Interporto di Rovigo è stato impostato per un costante e continuo miglioramento dei servizi con conseguente incremento del fatturato ma in particolar modo dell’utile di esercizio. Inoltre Interporto dispone di una liquidità propria che al 31.12.2020 ammontava ad euro 510.000 euro circa, attualmente la disponibilità si attesta incirca ad euro 700.000, migliorando così la disponibilità finanziaria.

Pertanto Interporto, per quanto riguarda l’aspetto economico, è in un assetto positivamente consolidato ma avendone tutte le potenzialità deve assolutamente migliorarsi attraverso una specializzazione, attraverso nuovi programmi da inserire nell’ambito dello sviluppo imprenditoriale e industriale. Concludendo con l’esercizio 2020 ma soprattutto con la proiezione del 2021, si conferma che la posizione strategica di Interporto, seppur con la sua infrastruttura, la gestione impostata su quello che è la specializzazione e il servizio, mettendosi a disposizione delle esigenze delle imprese costruendo per quest’ultime proposte commerciali adeguate ha raggiunto risultati economici ragguardevoli che dovranno essere ulteriormente implementati attraverso nuovi investimenti, migliorando le strutture esistenti e ampliando gli spazi dedicati alla movimentazione. Le potenzialità, così come è stato dimostrato, ci sono tutte, necessita solamente saperle cogliere. Interporto ha tutti i supporti sia economici che finanziari per poter ulteriormente migliorare i risultati.

Interviene l’Assessore Andrea Pavanello in rappresentanza del Comune di Rovigo, il quale si congratula con il Presidente e con il Consiglio di Amministrazione per i risultati raggiunti. Il Presidente Bressanin precisa che è stato possibile raggiungere i suddetti obiettivi grazie alla caparbietà e volontà ma anche grazie al personale di Interporto che anche se esiguo si è dimostrato efficace.

Il Presidente comunica ai soci che nell’anno corrente è stata inserita una nuova figura con funzioni amministrative, la quale affiancata dallo storico consulente Dott. Cappello dello Studio Salvaggio, permette alla società di avere una situazione contabile interna sempre aggiornata, tenendo monitorati i centri di costo e di ricavo, permettendo in tempo reale azioni correttive finalizzate a non perdere alcuna opportunità.

 

Interporto in questo periodo si sta confrontando con gli uffici del settore urbanistica del Comune di Rovigo, al fine di predisporre la revisione del Piano Particolareggiato non più in vigore, tenendo conto delle esigenze di sviluppo dell’area. Sarà inoltre l’occasione per poter definire con l’amministrazione comunale il rimborso delle somme anticipate da Interporto per l’urbanizzazione dell’area.

Pertanto i soci di Interporto all’unanimità hanno approvato il bilancio di esercizio chiuso al 31.12.2020 che si chiude con un risultato economico positivo di euro 213.780, destinando l’utile di esercizio come segue:

  • Euro 10.689: riserva legale;
  • Euro 134.089: copertura integrale delle perdite degli esercizi precedenti;
  • Euro 69.002: riserva straordinaria