L’Interporto di Rovigo, sita a 40 km dal mare, occupa una posizione privilegiata in quanto si affaccia su un canale navigabile che dal mare a Rovigo è accessibile ad imbarcazioni della IV classe europea (navi da circa 2.000 tonnellate di stazza che possono navigare anche in tutto il Mediterraneo); mentre da Rovigo a Mantova possono transitare chiatte e bettoline che hanno comunque una grande capacità di carico. Le chiatte che oggi arrivano a Rovigo hanno una capacità di 1200/1600 tonnellate, corrispondenti a circa 50 TIR.

La via navigabile nasce da Porto Levante, dove sono stati costruiti i moli foranei e attraverso il canale navigabile Canalbianco, Tartaro e Fissero giunge fino a Mantova con una lunghezza di circa 170 Km. Successivamente, tramite le conche di San Leone entra nel Po per raggiungere il Porto di Cremona.

Il corso d’acqua, essendo un canale, mantiene per tutto l’anno una profondità costante di 3,50 mt. al contrario del Po che, risentendo delle condizioni climatiche è navigabile soltanto per alcuni mesi.

Capacità di trasporto e raffronto tra i vari mezzi -> Convoglio chiatte (costituito da 2 chiatte e uno spintore) = 72 container pari a circa 36 Tir.

Per ulteriori approfondimenti sulla navigaazione fluviale e sul sistema di canali navigabili vi proponiamo i seguenti video rispettivamente del Tg Leonardo e del Tg 2: